Home / Esclusivi / Come usare la riflessologia plantare

Come usare la riflessologia plantare

Fare riflessologia plantare non è pratica comune solo a poche persone. Inconsciamente noi, in moltissime occasioni ricorriamo a questa tecnica senza esserne realmente coscienti.
Quando sentiamo un dolore e istintivamente facciamo delle leggere pressioni sulla parte colpita, applichiamo queste conoscenze.
La riflessologia si basa comunque su altri principi ben più complessi, che possono essere messi in atto unicamente dopo un approfondito studio dell’anatomia umana e delle basi della medicina cinese.

In questa guida comunque, vedremo alcuni utili suggerimenti che vi aiuteranno a comprendere come si fa ad utilizzare i primi rudimenti della riflessologia plantare nella vita di tutti i giorni. Prima di proseguire voglio aggiungere che la riflessologia non è una cura universale per ogni male, quando è necessario è bene ricorrere al consulto ed alle cure di uno specialista o del medico di famiglia

  1. Buona cosa sarebbe procurarsi un testo completo di riflessologia, dove è possibile reperire una mappa completa ed accurata di tutti i punti plantari. Ma per le prime volte potete anche semplicemente sperimentare.
  2. Un massaggio di riflessologia plantare, per le prime volte in cui provate a testarlo su voi stessi, non deve durare più di 10 minuti. Dovete prendere familiarità con l’arte e il vostro corpo deve abituarsi a queste nuove esperienze tattili.
  3. Fate leggere pressioni con il pollice della mano destra, mentre quella sinistra utilizzatela per tener ferma la pianta del piede sulla quale state agendo.
  4. Non concentratevi subito sulla parte che può dolervi o meno, fate un massaggio generico su tutta la pianta del piede.   

Articolo a scopo puramente informativo. Gli autori declinano ogni responsabilità dell'uso corretto o scorretto di questa guida.

Fine