Home / Hobby / Guadagni e Risparmi / Come avviare un’attività Franchising: 2 Parte

Come avviare un’attività Franchising: 2 Parte

Ciao a tutti. Nel precedente articolo abbiamo parlato di cos’è il Franchising e di cosa è necessario per metterlo in atto. Ecco il precedente articolo: http://qualcosadafare.com/hobby/guadagni-online/come-avviare-unattivita-franchising-1-parte. Come vi ho già detto dovreste avere un buon capitale da investire e dovreste trovare un’azienda disposta a fornirvi il suo marchio. Nell’articolo di oggi parleremo quindi di come trovare un’azienda che ci fornisca il proprio logo, in cambio ovviamente di una percentuale sui guadagni. Vi coglio proporre quindi alcuni siti in cui potrete ricercare aziende disponibili al franchising divise per categorie. Il primo di questi siti è  http://www.aprireinfranchising.it/. Una volta all’interno del sito troverete un box di ricerca nel quale potrete mettere un termine di ricerca e filtrarla in base alla cifra che potete investire, il settore in cui volete investirla e la lettera con cui inizia il marchio. Sono presenti molte aziende all’interno di questo sito, anche se la maggior parte di aziende non molto conosciute Una volta che avrete aperto l’annuncio dell’azienda che vi interessa, troverete la descrizione di questa con eventuali informazioni per il futuro affiliato e, alla fine, il form da completare per mettersi in contatto con l’azienda e per avere maggiori informazioni. In ogni annuncio,inoltre, è specificata la somma minima che è necessario investire per affiliarsi a quell’azienda.

Poi c’è http://www.topfranchising.it:

Sito dello stesso tipo del precedente ma più ordinato. Inoltre permette di impostare la ricerca anche su investimenti che partono dall’euro inoltre, invece che da 10000 euro. Una volta che avrete contattato l’azienda, questa manderà a casa vostra un delegato per risolvere le faccende burocratiche e per permettervi di iniziare l’attività.

Mi raccomando: se volete intraprendere questo tipo di business investite una discreta cifra, altrimenti saranno soldi persi. Una buona cifra non dovrebbe essere inferiore ai 10000 euro. Detto questo: Buoni affari!

Articolo a scopo puramente informativo. Gli autori declinano ogni responsabilità dell'uso corretto o scorretto di questa guida.

Fine