Home / Hobby / Hacking & Modding / Come essere anonimi sul web e come aprire siti bloccati a lavoro

Come essere anonimi sul web e come aprire siti bloccati a lavoro

Questo articolo ha un titolo che vale per due. Perchè? perchè il presente metodo vale sia per una cosa che per l’altra. Anche se per la seconda parte andremo più nello specifico.

Navigare anonimi comporta alcuni vantaggi, primo tra tutti la privacy. Infatti navigando anonimamente, nessun sito terrà conto delle vostre visite e non verranno registrati i cookies. Volendo neanche la polizia nè altri enti dovrebbero potervi rintracciare ( se non dopo un’accurata indagine.), infatti è una risorsa molto sfruttata dagli hacker e dai loro simili.

Ecco come possiamo fare: esistono ovviamente siti web che ci permettono di renderci anonimi. Quali? Si chiamano proxy e funzionano così: un utente che passa attraverso un proxy cambia automaticamente il suo ip con uno che gli viene dato dal servizio. In genere non sono ip italiani ma bensì provenienti da qualche parte dell’America o della Cina.

Eccone un piccolo elenco:

1) Proxy.org. Questo è il migliore sito web che offre un tale servizio. Non è infatti un solo sito, ma un aggregatore di siti proxy. Al lato del sito trovate una tabella che indica e linka i migliori proxy. La lista è veramente molto ampia. Io comunque vi consiglio di scegliere i siti marcati in verde perchè sono i più affidabili. Badate che usando un proxy verrete probabilmente tempestati di pubblicità e ne risentirà anche la vostra velocità di caricamento.

2) Aniscartujo.com. Poi troviamo questo sito dal nome alquanto impronunciabile, anch’esso validissimo e ben organizzato. Infatti oltre alla barra di ricerca troveremo anche dei link già preimpostati ai principali siti web come google,facebook,ebay ecc… A differenza degli altri servizi di questo tipo ho notato un miglioramento netto della velocità e soprattutto la presenza di un solo banner pubblicitario. Ve lo consiglio vivamente

 

3) NewIpNow.com. Passiamo infine a questo ultimo sito, che metterei al secondo posto dopo il precedente. L’interfaccia è molto semplice e la velocità resta parecchio elevata. A differenza degli altri due proxy permette di scegliere l’ip a cui verremo collegati. Purtroppo con la versione free sono disponibili solo 3 ip, mentre con quella premium molti di più (ovviamente la premium è a pagamento). E a quanto sembra non sono presenti pubblicità, in quanto il guadagno è basato unicamente sugli account premium.

E ora passiamo alla seconda parte del nostro articolo: Come superare il blocco dei siti internet.

Se al lavoro volete vedere i vostri video preferiti su youtube o controllare il vostro profilo facebook non dovrete far altro che utilizzare uno dei servizi sottostanti:

Senzafiltri: Sito Italiano che penso sia l’unico che permetta di visualizzare facebook e/o youtube (almeno da quanto è scritto sul sito) superando le restrizioni dell’ufficio. Devo ammettere che funziona molto bene. Occhio comunque a non farvi scoprire dal vostro capo 🙂

Blockedsiteaccess: Questo sito è fatto apposta per chi come voi non vuole lavorare. Permette di fare le stesse cose del precedente però per tutti gli altri siti. Non ho avuto occasione di verificarne il funzionamento, però ho saputo che non sempre funziona. Provatelo e fatemelo sapere.

 

E con questo vi saluto. Alla prossima!!!

Articolo a scopo puramente informativo. Gli autori declinano ogni responsabilità dell'uso corretto o scorretto di questa guida.

Fine